spegnere un incendio in un museo

incendio in un museo

Non tutti gli edifici hanno le stesse caratteristiche. Ognuno di loro usa materiali diversi per costruirli. Possiamo parlare delle loro dimensioni o del contenuto che esiste al loro interno. Come è logico, il valore esistente in un museo tende ad essere più alto degli oggetti che troviamo in una proprietà attuale.

Le gallerie d’arte e altre hanno bisogno di una serie di misure di ripresa su misura. Questo tipo di costruzione è classificato come un edificio che è difficile da segmentare. Questo perché gli effetti di un incendio e la sua estinzione possono causare danni irreparabili in un lavoro insostituibile.

Quali danni possono verificarsi?
Troviamo due tipi di danni che possono causare problemi alle mostre nei musei:

-Danni da calore: dipende dal tempo e dal livello di esposizione che le opere d’arte subiscono. Alcuni degli effetti che possono essere prodotti sono la drastica riduzione del livello di umidità interna e le sollecitazioni interne per espansione.

-Danni da acqua: spegnere l’incendio con l’acqua può danneggiare le strutture e i materiali che le compongono. Inoltre, è preferibile utilizzare tubi in acciaio inox o plastica invece di tubi bagnati che causano piccole perdite.

Misure antincendio per spegnere un incendio in un museo

Ci sono diverse possibilità ed elementi per prevenire e/o estinguere un incendio in un museo. Infatti, molti elementi sono essenziali per garantire un successo clamoroso, come ad esempio:

Settorializzazione: alcune soluzioni sono realizzate in vetro ignifugo o porte tagliafuoco che aiutano a prevenire la propagazione degli incendi.

Sistemi di rilevamento ad alta sensibilità
Si tratta di sistemi di verifica degli allarmi antincendio, che hanno lo stesso uso di un allarme.

Sistemi di controllo della temperatura e dei fumi
Facilitano l’evacuazione dell’edificio. È necessario anche un intervento professionale, ma un uso improprio può innescare la diffusione del fuoco.

Estintori d’incendio: la loro ubicazione deve essere nota al personale addetto, oltre ad essere contrassegnata. Possono essere di tre tipi, CO2, polvere secca o agente pulito.

Acqua distillata nebulizzata: è importante perché non conduce elettricità o non introduce sali nei supporti.

BIE 25: devono essere utilizzati da personale qualificato, inoltre permette di incorporare ulteriori prese da 45 mm per attrezzature professionali.

Sistemi di spegnimento automatico: ci sono due possibilità, utilizzando gas puliti, o gas inerti, utilizzando grandi bombole nel caso di quest’ultimo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *